Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Funzione Compliance

La Funzione Compliance ha la responsabilità di valutare, secondo un approccio risk-based, l’adeguatezza delle procedure, dei processi, delle politiche e dell’organizzazione interna al fine di prevenire il rischio di non conformità, ovvero il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (leggi, regolamenti, provvedimenti delle Autorità di Vigilanza) e di autoregolamentazione (ad esempio statuti, codici di condotta, codici di autodisciplina, politiche interne e documenti di comunicazione aziendale).

La Funzione Compliance opera attraverso:

  • l’identificazione in via continuativa delle norme applicabili e la valutazione del loro impatto sui processi e le procedure aziendali;
  • la valutazione dell’adeguatezza e dell’efficacia delle misure adottate dalla Società per la prevenzione del rischio di non conformità, e la proposta di modifiche organizzative e procedurali finalizzate ad assicurare un adeguato presidio di tale rischio;
  • la valutazione dell’efficacia degli adeguamenti organizzativi (strutture, processi, procedure) conseguenti alle modifiche suggerite;
  • la predisposizione di flussi informativi diretti agli organi aziendali e alle strutture coinvolte.

A tale scopo la metodologia utilizzata prevede differenti fasi operative e di lavoro che possono essere distinte in:

  • attività ex ante, con l’obiettivo di valutare la conformità alle norme di nuovi prodotti/progetti/processi, ovvero dell’organizzazione aziendale in relazione all’entrata in vigore di nuove normative. Assumono particolare rilevanza in tale attività le fasi di “analisi della normativa”, “valutazione dei rischi” e “identificazione degli adeguamenti”;
  • attività ex post, che attengono più propriamente alla fase del monitoraggio ossia alla valutazione dello stato di conformità dei processi aziendali rispetto alle norme, cui si perviene attraverso la valutazione dei presidi esistenti e dello stato di attuazione degli interventi pianificati.

Nell’ambito delle proprie responsabilità, annualmente il responsabile della Funzione Compliance sottopone all’approvazione del Consiglio di Amministrazione il piano delle attività.​

Toolbox
Finanziari
Istituzionali
Press e Media
Sponsorship